cerca per nome
 cercami

palazzo bozzattini sartori

piove di sacco, padova, italia

progetto: studio architetto marina sartori, architetto caterina mocellin

progetto illuminotecnico: fiorluce tecnico snc

rivenditore Viabizzuno: fiorluce snc, padova

responsabile tecnico di zona: rosella michieletto

corpi illuminanti

il palazzo, censito tra le ville venete in territorio padovano e nella serenissima repubblica, ha poche notizie dall'esame della documentazione reperibile. si sa che ‘gli antichi proprietari erano di padova e per di più di un canonico, soggetto pertanto a denuncie come beni del clero' … si parla infatti di ‘canonico bozzattini, casa dominical' … (ville venete in territorio padovano e nella serenissima repubblica - francisci editore). ‘il palazzo affacciato su una delle vie principali del paese, ha chiara decorazione di facciata rinascimentale che ne fa ascrivere la datazione di impianto a cavallo tra quattro e cinquecento. il volume del palazzo è profondamente articolato verso la corte interna, con ali che si allungano nel lotto di pertinenza…al piano nobile una trifora centrale voltata a sesto pieno, è affiancata da due monofore per lato; ai fianchi la forometria originaria è stata modificata nel corso dei secoli. tutte le finestre hanno decorazioni in pietra tenera, con colonnine e pilastri abbelliti da capitelli con foglie di acanto, mentre le ghiere degli archi hanno un decoro a torciglione'… ( ville venete: la provincia di padova - istituto regionale per le ville venete - marsilio editore). all'interno dell'edificio le modifiche sono state numerose; di certo in epoca settecentesca le pareti e i soffitti del piano terra così come le pareti del piano nobile, sono stati decorati a motivi ornamentali; il soffitto del piano nobile è stato ri-affrescato tardivamente in periodo fine ottocento, primi novecento. la scala originale è stata demolita e sostituita da una scala in posizione differente tra i primi venti-trenta anni del novecento. la mansarda-soffitta ha tutte le travature lignee di copertura originali, e di certo non ha mai avuto funzione abitativa . l'intervento progettuale di restauro e arredamento si è inserito pertanto in un tessuto molto delicato, dove da un lato si è dovuto procedere con un restauro conservativo di tutto ciò che di storico e originale rimaneva, dall'altro si è voluto ricercare nei materiali nuovi, una armonia ‘silenziosa' con le preesistenze, senza falsi manierismi. il progetto di arredamento di interni ha pertanto volutamente definito una linea di demarcazione tra ciò che era antico, e ciò che doveva essere inserito in epoca attuale; la commistione forte tra due epoche così lontane è stata mediata dalla scelta di arredi, complementi e oggetti volutamente lineari e semplici, per non interferire con un ‘parlato' così forte quale il palazzo ancora possiede. pochi mobili d'epoca dialogano con mobili moderni, pezzi comunque ‘storici', perché scelti tra i classici del design. l'illuminazione da un lato puramente tecnica, è volutamente scomparsa e inserita dove possibile nelle pareti; ciò che di scenografico illumina e i complementi luce, sono oggetti anch'essi scelti tra i classici moderni.

lingua selezionata: italiano | english | français | Deutsch | español | 中文

www.viabizzuno.com | www.viabizzunomercato.com

legal notice | abbonati al report | Facebook Pinterest instagram

Viabizzuno srl italia via romagnoli 10 40010 bentivoglio (bo) C.F./P.IVA e iscrizione registro imprese di bologna n. 01614551206 - REA n. 351858 - capitale sociale 5.000.000,00 euro i.v.