cerca per nome
 cercami

anversa, theo eyewear shop

anversa, belgio

progetto: veelaertarchitecten

progetto illuminotecnico: cone lighting

rivenditore Viabizzuno: cone lighting

responsabile tecnico di zona: commerciale Viabizzuno

corpi illuminanti

all'ombra di quello che è stato il primo grattacielo in europa, gli architetti dello studio veelaert hanno creato un nuovissimo negozio di occhiali theo. un accurato processo in grado di abbinare una straordinaria creatività ad un'esperienza di vendita efficace, ha trasformato lo spazio esistente da comune negozio a prestigioso workshop per eyewear.
alla base dell'intero design del negozio vi è il marchio theo, dinamico e internazionale. rapide linee cinetiche perpendicolari alla facciata si materializzano nel design, attirando il cliente all'interno del negozio.
una volta entrati, queste potenti linee cinetiche vengono interrotte da un muro bianco illuminato, che diventa la parete attrezzata in cui vengono esposti gli occhiali da sole, dal pavimento al soffitto.
il bianco contrasta con gli occhiali scuri e colorati, esaltandoli. grazie ad un'illuminazione diffusa, gli occhiali sembrano fluttuare e i diversi design vengono in tal modo accentuati. questo elemento bianco non solo attira l'attenzione sugli occhiali da sole, ma continua nel seminterrato, collegando visivamente i due piani.
il pavimento grigio in pietra e gli armadi in legno rosso, posti dietro al muro bianco, conferiscono una sensazione di calore e solidità alla sezione vendite. su questi materiali solidi, gli occhiali, nella loro fragilità e delicatezza, raccontano la loro storia individuale e unica. muri in rosa acceso e grandi specchi vengono usati per disorientare e instradare l'attenzione dei visitatori. questi colori contribuiscono ad accentuare l'aspetto caratteriale frivolo del marchio theo.
il calore caratteristico del legno si ritrova nella maestosa scalinata che porta al seminterrato. l'uso calibrato e scenografico delle luci e il modo in cui la scalinata si allarga man mano che si scende aggiunge un'ulteriore prospettiva dinamica, attirando automaticamente i clienti verso l'altra parte del negozio.
le linee verticali nelle vetrine non danno solo un aspetto giocoso al negozio, ma possono anche essere utilizzate come pubblicità nell'allestimento della vetrina stessa.
il negozio si trova sulla curva dell'eiermarkt con una zona pedonale coperta su un lato, rendendo il progetto di questo spazio un polo di attrazione, contraddistinto dal fascino del marchio theo anche nelle sue forme. il design delle forme progettate non è visibile solo di giorno, ma anche di notte: una luce rossa intermittente proviene dal negozio, attirando i girovaghi notturni verso le sue vetrine.
il cuore dell'eyewear di theo sembra pulsare mentre il negozio riposa in attesa di riaprire il giorno dopo.
cinetica: sost. f. s., 1. termine di natura scientifica che in fisica indica lo studio del moto dei corpi in rapporto alla loro struttura; l'energia cinetica è l'energia che un corpo possiede in virtù del suo movimento. 2. anche nel campo chimico si parla di cinetica chimica: è lo studio della velocità con cui avvengono le reazioni chimiche in rapporto ai fattori che le influenzano.
il suo campo di studio si estende anche ai meccanismi implicati nella formazione dei prodotti finali. 3. ‘arte cinetica', movimento artistico-culturale in parte legato ad osservazioni di tipo psicologico; i rami di questo movimento sono ‘oggetti in movimento' (di alexander calder, bruno munari), esperimenti mediante ‘trucchi percettivi' (victor vasarely, gruppo t - dove t sta per tempo -, gruppo n) dove il movimento è dato dallo spostamento dello spettatore e ‘oggetti che si lasciano muovere' o meglio, che acquistano particolari caratteristiche (vedi bruno munari ed enzo mari), grazie ad un intervento esterno.
specchio: sostantivo m. s., dal latino speculum che deriva da spicio: io guardo. per estensione indicava l'oggetto che serve a guardare. originariamente era in metallo bianco, rame o stagno, poi in argento e successivamente in vetro; per similitudine si indica con questo termine qualsiasi superficie lucida dove ci si guardi come in uno specchio. per estensione si parla di specchio anche per indicare le piatte e calme superfici d'acqua; prima dell'invenzione dello specchio l'unico modo per conoscere la propria immagine era di guardarsi riflessi in acqua stagnante. 1. strumento dalla superficie liscia che produce una riflessione regolare dei raggi luminosi; in genere è costituito da una lastra di cristallo metallizzata nella faccia posteriore; 2. sinonimo di prospetto; 3. pannello intelaiato nei battenti di porte o finestre.

lingua selezionata: italiano | english | français | Deutsch | español | 中文

www.viabizzuno.com | www.viabizzunomercato.com

legal notice | abbonati al report | Facebook Pinterest instagram

Viabizzuno srl italia via romagnoli 10 40010 bentivoglio (bo) C.F./P.IVA e iscrizione registro imprese di bologna n. 01614551206 - REA n. 351858 - capitale sociale 5.000.000,00 euro i.v.