viabizzuno

worldit

world

kvadrat
luogo:ebeltoft, danimarca
progetto:sevilpeach
committente:kvadrat
progetto illuminotecnico:Viabizzuno/sevilpeach
responsabile tecnico di zona:jonathan morrish
foto:ed reeves
kvadrat, azienda danese leader nel mercato internazionale di tessuti di alta qualità per l’architettura e il design di tutto il mondo. i prodotti kvadrat riflettono la dedizione dell’azienda al colore, alla qualità, alla semplicità e all’innovazione. il marchio migliora costantemente le proprietà estetiche, tecnologiche e funzionali dei tessuti, avvalendosi della collaborazione dei principali designer, architetti e artisti, tra cui miriam bäckström, raf simons, ronan ed erwan bouroullec, thomas demand, olafur eliasson, alfredo häberli, akira minagawa, peter saville, roman signer, nonché doshi levien e patricia urquiola. lo studio di architettura londinese sevilpeach ha trasformato la sede centrale di kvadrat a ebeltoft, commissionata agli architetti poulsen & therkildsen di aarhus nel 1980. il mattone rosso dell’edificio evoca l’architettura vernacolare locale, mentre il basso profilo della struttura s’inserisce perfettamente nel paesaggio costiero circostante, determinante nell’uso del colore di kvadrat, che entra all’interno della sede attraverso le nuove vetrate a tutt’altezza. nella sua riprogettazione, lo studio sevilpeach ha valorizzato il potenziale dell’edificio affinché potesse riflettere l’immagine dell’azienda, migliorando contemporaneamente l’esperienza lavorativa al suo interno: il ristorante, dove gli impiegati si raccolgono per un pasto ecologico fatto in casa, è il cuore della sede; lo spazio comune della mensa è stato ampliato con una nuova area-libreria, con un lungo tavolo per i pasti e per le riunioni, dove morbide sedute e postazioni di lavoro silenziose si affacciano sul paesaggio circostante. gli spazi aperti degli uffici e le sale riunioni incoraggiano il lavoro collaborativo, mentre la nuova area di benvenuto, gli spazi sociali e una libreria diffondono un’atmosfera di familiarità. stoffa e colore sono protagonisti indiscussi dello spazio: alte tende sono usate come barriere flessibili per sale riunioni, come divisori temporanei o per ammorbidire gli ampi open space, inoltre innumerevoli famiglie di colori e tessuti delineano cinque zone all’interno della sede – benvenuto, dirigenza, prodotto, spazio comune e studio – unite da un corridoio che corre attraverso l’edificio. punto focale della sede è lo spettacolare showroom di 320mq, collocato in uno spazio precedentemente usato come magazzino, che permette ai clienti di esplorare l’intera gamma di tessuti e dei prodotti di alta qualità di kvadrat in tutte le sfumature e le tonalità: si entra attraverso una parete inclinata, di sette metri nel suo punto più alto, con ingressi rifiniti da tende gialle; la facciata espositiva ospita sessanta metri di prodotti, mentre una parete con tende ripiegabili di tre metri permette di mostrare i tessuti così come vengono utilizzati. all’interno dello showroom, Viabizzuno ha installato un sistema di controllo intelligente composto da c2 su misura con sensori che riconoscono quale tenda viene utilizzata e regolano la luce di conseguenza, assicurandosi che la stoffa sia esposta nel miglior modo possibile. sevilpeach ha voluto utilizzare un linguaggio comune per la luce inserita nello spazio e ha scelto il sistema n55 di Viabizzuno come famiglia di illuminazione unificante di corpi illuminanti. la flessibilità e l’ampia gamma dell’n55 erano ideali perché gli stessi elementi possono essere utilizzati in tutti i tipi di applicazione: a sospensione, a parete, a terra, a soffitto, a binario. l’apposito attacco n55 permette di intercambiare tre tipi di lampadina: classica, decorativa e tecnica. in particolare l’estesa gamma di vetri decorativi ha attratto sevil peach e kvadrat, poiché contribuisce a definire particolari aree dell’edificio, creando giochi di ombre che si accordano alle funzioni dei singoli spazi. il colore è al centro del progetto, perciò era essenziale un apparecchio di illuminazione con il miglior indice di resa cromatica. il sistema n55 era la scelta perfetta ed è stato utilizzato nell’intero edificio per mettere in risalto i colori delle stoffe ed esaltare la pulizia formale degli interni. CRI (color rendering index) pari a 98, un indice R9 pari a 98, ies tm-30 con un indice di fedeltà colore Rf 96 e un indice di saturazione colore Rg103, assicurano la qualità della luce, fondamentale, in particolare nei laboratori e nello showroom, dove sono stati compiuti test approfonditi per assicurare che la luce restituisse il vero colore dei prodotti, permettendo ai designer tessili di lavorare con successo.

scorri

mouse

HTML 4.01 Valid CSS Pagina caricata in: 3.151 secondi - Powered by Simplit CMS